Benvenuti su

The Live News

Kris Live Music

Archivi per: Dicembre 2014, 21

Ricerca Lancet: la vita si allunga di 6 anni

Dicembre 21st, 2014

Si allunga la vita nel mondo, e non solo nei paesi ricchi: l’aspettativa di vita è cresciuta mediamente su tutto il globo di sei anni (6,6 per le donne e 5,8 per i maschi) dal 1990, passando da 65,3 anni a 71,5 nel 2013.
Si riducono i tassi di mortalità per malattie cardiovascolari (anche se infarto e ictus restano le cause principali di morte) e malattie infettive; aumentano i decessi per patologie sempre più diffuse quali Alzheimer e diabete. Lo rileva uno studio in 188 Paesi, su Lancet.

Oltre 48 milioni di italiani resteranno a casa per le prossime festività di Natale

Dicembre 21st, 2014

Sono 48 milioni gli italiani che non si sposteranno di casa durante le festività e 30 milioni di essi non lo faranno per motivi economici. A lanciare l’allarme sulla situazione economica in cui si dibattono ancora le famiglie e le imprese è Federalberghi, secondo cui solo 11,8 milioni di connazionali effettueranno una vacanza tra Natale e Capodanno.

A Natale l’88% resterà in Italia (rispetto al 91% del 2013) e il 12% andrà all’estero (rispetto al 9% del 2013), mentre a Capodanno il 69% resterà in Italia (rispetto al 76% del 2013) e il 31% andrà all’estero (rispetto al 24% del 2013). Il giro d’affari determinato da questo movimento turistico sarà di circa 7,8 miliardi di euro pari a un +12% rispetto al 2013, frutto dell’impennata di italiani che si recheranno all’estero, sulla scia sia della riapertura del mercato del Mar Rosso sia attratti dalle grandi Capitali europee. Per Natale saranno poco più di 6,2 milioni gli italiani che si muoveranno dalla propria città, dormendo almeno una notte fuori casa, per un incremento del 3%. Tra chi potrà permettersi una vacanza l’88% resterà in Italia, mentre il 12% andrà all’estero.

La vacanza preferita sarà in montagna (40%), seguita da una città diversa da quella di residenza (24%), dalle città d’arte maggiori e minori (16%) e dal mare (14%). Il 70% di chi andrà all’estero sceglierà le grandi Capitali europee. Per chi resterà in Italia l’alloggio preferito sarà la casa di parenti o amici (41%), seguito dall’albergo (28%), dalla casa di proprietà (10%), dai rifugi alpini (7,2%) e dai B&B (4,5%). A Natale gli italiani in vacanza dormiranno in media 4,6 notti fuori casa per una spesa media pro-capite di 657 euro per un giro d’affari di 4,1 miliardi rispetto ai 3,55 del 2013 (+15,6%). Per Capodanno saranno circa 5,6 milioni gli italiani che si muoveranno dalla propria città, dormendo almeno una notte fuori casa, per un -6,2% rispetto al 2013. Ad essi se ne aggiungeranno quasi 900 mila che faranno vacanze lunghe da Natale. Il 69% resterà in Italia, mentre il 31% andrà all’estero. Per chi andrà all’estero le grandi Capitali europee assorbiranno l’83%. Per chi resterà in Italia la vacanza preferita sarà ancora in montagna (37%), seguita da una città diversa da quella di residenza (30%), dalle città d’arte maggiori e minori (17%), dal mare (10%) e dalle località termali e del benessere (3%). L’alloggio preferito sarà l’albergo (36%), seguito dalla casa di parenti o amici (30%), dai B&B (11%) e dai rifugi (9,5%). Gli italiani dormiranno in media 3,7 notti fuori casa per una spesa media pro-capite di 660 euro per un giro d’affari di 3,7 miliardi rispetto ai 3,4 del 2013 (+8,8%).

FONTE TRATTA DALLA GAZZETTA DEL SUD

http://www.gazzettadelsud.it/news//121312/Feste-senza-vacanze–per-48mln.html

Saldi invernali: al via già dal 3 gennaio

Dicembre 21st, 2014

Da sabato 3 gennaio 2015 inizieranno i saldi invernali anticipati di qualche giorno. Questo consentirà ai consumatori e ai negozianti di utilizzare il week-end come ha comunicato il presidente della Conferenza delle Regioni Sergio Chiamparino.

 

ECCO QUI DI SEGUITO IL CALENDARIO COMPLETO REGIONE PER REGIONE:

  • Abruzzo: 3 gennaio - 5 marzo;
  • Basilicata: 3 gennaio - 2 marzo
  • Calabria: 3 gennaio - 5 marzo;
  • Campania: 3 gennaio - 31 marzo;
  • Emilia-Romagna: 3 gennaio - 5 marzo;
  • Friuli Venezia Giulia: 3 gennaio - 31 marzo;
  • Lazio: 3 gennaio - 15 febbraio;
  • Liguria: 3 gennaio - 18 febbraio;
  • Lombardia: 3 gennaio - 3 marzo;
  • Marche: 3 gennaio - 1 marzo;
  • Molise: 3 gennaio - 5 marzo;
  • Piemonte: 3 gennaio - 28 febbraio;
  • Puglia: 3 gennaio - 28 febbraio;
  • Sardegna: 3 gennaio - 5 marzo;
  • Sicilia: 3 gennaio - 15 marzo;
  • Toscana: 3 gennaio - 5 marzo;
  • Umbria: 3 gennaio - 5 marzo;
  • Valle D’Aosta: 3 gennaio - 31 marzo;
  • Veneto: 3 gennaio - 28 febbraio.

 

Il nuovo virus che svuota i conti correnti online: Chthonic

Dicembre 21st, 2014

Occhio ai conti correnti online. La nuova minaccia malware che colpisce i sistemi di banking online e i loro clienti si chiama Trojan-Banker.Win32.Chthonic, o in breve Chthonic. L’hanno scoperta gli analisti di sicurezza di Kaspersky Lab che l’hanno paragonata al celebre Trojan ZeuS. Finora ha creato problemi a più 150 banche e 20 sistemi di pagamento in 15 Paesi. Sembra che prenda maggiormente di mira le istituzioni finanziarie situate negli Stati Uniti, in Spagna, Russia, Giappone e anche Italia. Chthonic sfrutta le funzioni del computer, tra cui la webcam e la tastiera, per rubare le credenziali dei clienti del banking online. I criminali possono anche connettersi da remoto al computer e controllarlo per effettuare transazioni.

Il virus  - Le principali armi di Chthonic, tuttavia, sono gli injector web che permettono al Trojan di inserire il suo codice e le sue immagini nelle pagine bancarie caricate dal browser del computer, consentendo ai cybercriminali di ottenere il numero di telefono della vittima, le sue password temporanee e i PIN, oltre a tutti i dettagli del login e delle password inserite dall’utente. Le vittime vengono infettate tramite link o documenti, come racconta Repubblica.it, con estensione .DOC allegati nelle email che installano una backdoor per il codice nocivo.

Come difendersi - Fino ad ora Kaspersky Lab ha scoperto moduli che possono raccogliere informazioni di sistema, rubare le password salvate, registrare i tasti digitati, permettere l’accesso da remoto e registrare video e suoni tramite la webcam o il microfonoi. Il Trojan, in questo caso, crea un iframe che copia, mantenendo le stesse dimensioni, la finestra originale del sito. "La scoperta di Chthonic conferma che il Trojan ZeuS si sta ancora evolvendo attivamente. I writer dei malware fanno ampio uso delle tecniche più recenti aiutati dalla diffusione del codice sorgente di ZeuS. Chthonic è l’evoluzione di ZeuS: usa il criptaggio di ZeuS AES, una macchina virtuale simile a quella usata da ZeusVM e KINS e il downloader di Andromeda - per prendere di mira sempre più istituzioni finanziarie e clienti ignari con metodi sempre più sofisticati. Siamo sicuri che in futuro incontreremo nuove varianti di ZeuS e continueremo a registrare e analizzare ogni minaccia per trovarci sempre un passo avanti rispetto ai cybercriminali", ha commentato Yury Namestnikov, Senior Malware Analyst at Kaspersky Lab e ricercatore che ha effettuato un’indagine sulla minaccia. Insomma durante queste feste state molto attenti quando usate il vostro conto online. Il rischio di passare il Natale con le casse a secco è dietro l’angolo. A portata di click. 

FONTE TRATTA DA LIBERO QUODITIANO.IT
http://www.liberoquotidiano.it/news/scienze—tech/11735306/Chthonic–il-virus-che-svuota.html

La cometa di Natale

Dicembre 21st, 2014

Natale illuminato dalle stelle cadenti, mentre per la cometa, che come da tradizione è associata alla Natività, bisognerà aspettare gennaio per potersi godere lo spettacolo. Intanto, per la gioia degli astrofili e non solo, nel cielo di mezzanotte, dal 21 al 24 dicembre, si potranno ammirare le meteore delle Geminidi.

‘’In questi giorni prima di Natale - spiega Mauro Di Sora, presidente dell’Unione astrofili italiani (Uai) - si potrà vedere a occhio nudo in cielo una coda dello sciame delle meteore delle Geminidi, il cui picco era previsto il 12-13 dicembre scorso, ma che quest’anno ‘registra’ uno slittamento del periodo di massima visibilità'’. Tuttavia sarà uno spettacolo a metà, dal momento che, come accaduto lo scorso agosto con le stelle di San Lorenzo, a dare fastidio e coprire in parte la visione delle stelle cadenti ci sarà la Luna, in fase crescente, e quindi più luminosa. ‘’Non sarà Luna piena come ad agosto - continua Di Sora - e quindi non oscurerà completamente le meteore, ma darà fastidio, diciamo. Vale comunque la pena di scrutare il cielo perchè è un bello sciame di meteore, il più importante del mese'’. Normalmente le stelle cadenti sono legate alle comete, ma le Geminidi sono particolari, perchè sono associate ad un asteroide, Fetonte.

‘’Tuttavia secondo molti astronomi - prosegue il presidente della Uai - è probabile che Fetonte, nella sua attività, in passato, sia stato una cometa'’. Per osservare le stelle cadenti comunque non serviranno telescopi, basterà alzare gli occhi al cielo dopo che la costellazione dei Gemelli sarà all’orizzonte, dunque non prima di mezzanotte. La cometa di Natale, la Lovejoy C/2014 Q2, invece arriverà in ritardo rispetto al 25 dicembre, tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio. ‘’Nei nostri cieli - conclude Di Sora - sarà visibile da gennaio, forse anche a occhio nudo, mentre già ora si può vedere nell’emisfero australe'’. L’anno scorso a Natale era la Lovejoy C/2013 R1 a mostrarsi in tutto il suo splendore, rubando la scena alla cometa Ison. La Lovejoy di quest’anno invece è stata scoperta dall’Australia il 17 agosto dall’astrofilo Terry Lovejoy, e ‘’sarà alla nostra portata nella seconda parte di dicembre - precisa la Uai sul suo sito - A gennaio passerà al perielio e toccherà il suo apice luminoso. Sarà dunque questo l’oggetto del momento, osservabile molto basso e in piena notte a metà di dicembre. L’altezza andrà però aumentando giorno per giorno, tanto che a fine mese avrà raggiunto valori discreti e con essi la visibilità per buona parte della nottata'’.

FONTE TRATTA DALLA GAZZETTA DEL SUD

http://www.gazzettadelsud.it/news//121342/La-cometa-di-Natale–.html