Benvenuti su

The Live News

Kris Live Music

Archivi per: Dicembre 2014

Macchina del caffè: Bialetti cuore CF 80

Dicembre 22nd, 2014

E’ LA NUOVA INVENZIONE BIALETTI CON UN DESIGN INNOVATIVO, SOSPESA TRAMITE UNA STAFFA, CHE RICORDA GLI APPLE IMAC.

La particolarità di questa nuova macchina del caffè è la sua forma di cuore che si presta come oggetto di arredo ideale per ogni cucina nella colorazione rossa o bianca.

La staffa che sostiene la macchina è interamente in metallo e la parte in plastica sopra è abbastanza robusta.

Nella parte superiore del cuore troviamo uno sportellino a scomparsa da cui è possibile inserire le capsule, le quali una volta inserite ed erogato il caffè, la capsula verrà espulsa automaticamente nel cassettino raccogli - capsule che andrà svuotato una volta riempito

Il serbatoio dell’acqua è di 0,5 litri quindi abbastanza contenuto.

TECNOLOGIA: è dotata di un tasto touch a sfioramento che è retroilluminato a forma di cuore e si illumina pulsando durante l’erogazione simulando così il battito del cuore. Un’altra particolarità è il contatore che avvisa quando è il momento di svuotare il cassettino raccogli-capsule.

E’ inotre dotata di una pompa da 20 bar che garantisce un caffè denso e cremoso e di una funzione di risparmio energetico che permette alla macchina di raggiungere la fase di standby dopo circa 10 minuti di inutilizzo.

VANTAGGI: design unico, buoni materiali, è sospesa, facile da usare, le due varianti di colore: rosso o bianco

SVANTAGGI: funziona solo con le capsule Bialetti e il prezzo

Ricetta: Pignolata - Come cucinarla

Dicembre 22nd, 2014

DOLCE TIPICO MESSINESE CON GLASSA AL LIMONE E CIOCCOLATO: La pignolata, conosciuta anche come pignolata glassata, è un dolce tipico della città di Messina e della città di Reggio Calabria.

La specialità dolciaria è inclusa nella lista siciliana dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf) con la denominazione di pignolata di Messina. La pignolata glassata è inserita nei prodotti di tradizione Reggina nell’elenco dell’Assessorato Caccia e Pesca della Regione Calabria. Il dolce è ampiamente diffuso anche nella Sicilia orientale (in cui sono presente diverse varianti come quella ragusana) e nell’area calabrese che va da Melito a Scilla dove vi è una variante con glassa al gusto di bergamotto, oltre alla tradizionale con cedro e cioccolato.

Si presenta come un mucchietto di pigne di varie dimensioni ricoperte di glassa bianca al limone e scura al cioccolato e dall’odore di essenza di cedro (o bergamotto) e cioccolato vanigliato.

TEMPO DI PREPARAZIONE: 2, 5 ORE
TIPO DI DOLCE: FRITTO
OCCASIONE: NATALE
REGIONE: SICILIA, MESSINA

  INGREDIENTI  

Per la pignolata:

  • 750 gr di farina oo
  • 12 tuorli d’uovo
  • 100 ml di alcol puro per dolci
  • strutto per friggere q.b.

Per la glassa al cioccolato:

  • 300 gr di zucchero a velo
  • 300 gr di cacao amaro
  • 200 ml di acqua
  • 150 gr di burro
  • un pizzico di vaniglia

Per la glassa al limone:

  • 400 gr di zucchero a velo
  • succo di 4 limoni
  • 4 albumi d’uovo

PREPARAZIONE:

Per la pasta della pignolata messinese

In una terrina sbattere con energia i tuorli d’uovo e l’alcool, quindi aggiungere poco per volta la farina amalgamando fino a ottenere un impasto omogeneo e consistente che tenderà a staccarsi dalle pareti della terrina.

Fatto questo, stendere con le mani l’impasto su una spianatoia formando dei bastoncini sottili circa 7-10 mm. Quindi tagliare i bastoncini in tocchetti lunghi circa un paio di centimetri ciascuno.

Friggere poco per volta i tocchetti della pignolata in abbondante strutto caldo rigirandoli di tanto in tanto fino a farli dorare un po’ e riporli infine su carta assorbente per fargli perdere il grasso in eccesso.

Per la glassa al cioccolato

In un pentolino posto su fiamma molto bassa sciogliere il burro e unire, poco per volta, lo zucchero a velo, il pizzico di vaniglia, il cacao setacciato e dell’acqua che andrà versata a filo fino ad ottenere la giusta densità. Lasciare intiepidire.

Per la glassa al limone

Versare lo zucchero in un pentolino e scaldarlo a fiamma molto bassa fino a quando non comincerà a filare, quindi versarlo in una terrina e incorporarvi poco per volta gli albumi montanti a neve. Girare a lungo con un cucchiaio versando nel frattempo il succo dei limoni a filo fino a ottenere una glassa morbida e bianca.

Film consigliato: Cenerentola

Dicembre 22nd, 2014

DATA DI USCITA: 23 DICEMBRE 2014
GENERE: Musicale
REGIA: Carlo Verdone
MUSICHE : Gioacchino Rossini
PAESE: Italia, DURATA: 120′

CENERENTOLA, la favola musicata da Gioachino Rossini, nella versione cinematografica presentata da Andrea Andermann e diretta da Carlo Verdone. Una dolce fanciulla maltrattata dalle arcigne sorellastre, rapisce il cuore del principe azzurro che dopo il ballo perde le sue tracce. L’innamorato non troverà pace sino a quando non incrocerà nuovamente lo sguardo dell’amata CENERENTOLA.

  


TRAILER:

Ricerca Lancet: la vita si allunga di 6 anni

Dicembre 21st, 2014

Si allunga la vita nel mondo, e non solo nei paesi ricchi: l’aspettativa di vita è cresciuta mediamente su tutto il globo di sei anni (6,6 per le donne e 5,8 per i maschi) dal 1990, passando da 65,3 anni a 71,5 nel 2013.
Si riducono i tassi di mortalità per malattie cardiovascolari (anche se infarto e ictus restano le cause principali di morte) e malattie infettive; aumentano i decessi per patologie sempre più diffuse quali Alzheimer e diabete. Lo rileva uno studio in 188 Paesi, su Lancet.

Oltre 48 milioni di italiani resteranno a casa per le prossime festività di Natale

Dicembre 21st, 2014

Sono 48 milioni gli italiani che non si sposteranno di casa durante le festività e 30 milioni di essi non lo faranno per motivi economici. A lanciare l’allarme sulla situazione economica in cui si dibattono ancora le famiglie e le imprese è Federalberghi, secondo cui solo 11,8 milioni di connazionali effettueranno una vacanza tra Natale e Capodanno.

A Natale l’88% resterà in Italia (rispetto al 91% del 2013) e il 12% andrà all’estero (rispetto al 9% del 2013), mentre a Capodanno il 69% resterà in Italia (rispetto al 76% del 2013) e il 31% andrà all’estero (rispetto al 24% del 2013). Il giro d’affari determinato da questo movimento turistico sarà di circa 7,8 miliardi di euro pari a un +12% rispetto al 2013, frutto dell’impennata di italiani che si recheranno all’estero, sulla scia sia della riapertura del mercato del Mar Rosso sia attratti dalle grandi Capitali europee. Per Natale saranno poco più di 6,2 milioni gli italiani che si muoveranno dalla propria città, dormendo almeno una notte fuori casa, per un incremento del 3%. Tra chi potrà permettersi una vacanza l’88% resterà in Italia, mentre il 12% andrà all’estero.

La vacanza preferita sarà in montagna (40%), seguita da una città diversa da quella di residenza (24%), dalle città d’arte maggiori e minori (16%) e dal mare (14%). Il 70% di chi andrà all’estero sceglierà le grandi Capitali europee. Per chi resterà in Italia l’alloggio preferito sarà la casa di parenti o amici (41%), seguito dall’albergo (28%), dalla casa di proprietà (10%), dai rifugi alpini (7,2%) e dai B&B (4,5%). A Natale gli italiani in vacanza dormiranno in media 4,6 notti fuori casa per una spesa media pro-capite di 657 euro per un giro d’affari di 4,1 miliardi rispetto ai 3,55 del 2013 (+15,6%). Per Capodanno saranno circa 5,6 milioni gli italiani che si muoveranno dalla propria città, dormendo almeno una notte fuori casa, per un -6,2% rispetto al 2013. Ad essi se ne aggiungeranno quasi 900 mila che faranno vacanze lunghe da Natale. Il 69% resterà in Italia, mentre il 31% andrà all’estero. Per chi andrà all’estero le grandi Capitali europee assorbiranno l’83%. Per chi resterà in Italia la vacanza preferita sarà ancora in montagna (37%), seguita da una città diversa da quella di residenza (30%), dalle città d’arte maggiori e minori (17%), dal mare (10%) e dalle località termali e del benessere (3%). L’alloggio preferito sarà l’albergo (36%), seguito dalla casa di parenti o amici (30%), dai B&B (11%) e dai rifugi (9,5%). Gli italiani dormiranno in media 3,7 notti fuori casa per una spesa media pro-capite di 660 euro per un giro d’affari di 3,7 miliardi rispetto ai 3,4 del 2013 (+8,8%).

FONTE TRATTA DALLA GAZZETTA DEL SUD

http://www.gazzettadelsud.it/news//121312/Feste-senza-vacanze–per-48mln.html