Benvenuti su

The Live News

Kris Live Music

Archivi per: Febbraio 2015, 25

Il 730 precompilato

Febbraio 25th, 2015
modello 730 precompilatoIl modulo dell’Agenzia delle Entrate sarà disponibile dal 15 aprile prossimo. Esso sarà garantito dalla privacy nel caso in cui viene consultato da Caf, datori di lavoro o commercialisti mentre per ogni singolo contribuente è previsto l’accesso, tramite web, nel sito dell’Agenzia o con un apposito pin rilasciato dall’Inps. Ciò è previsto solo per i nuovi contribuenti.

CONTRIBUENTI CHE POSSONO OTTENERE IL 730 PRECOMPILATO: esso è previsto per i titolari di redditi da lavoro dipendente o da pensione che, nel 2014, hanno presentato il 730 o inviato solo il Cud. Possono usarlo anche coloro che l’anno scorso hanno presentato Unico per avendo avuto i redditi necessari. Sono esclusi i possessori di partita Iva, con l’unica eccezione dei produttori agricoli in regime di esonero, e  chi, nel 2014, ha presentato dichiarazioni integrative o correttive ancora sotto controllo.

VOCI PRESENTI NEL 730 PRECOMPILATO: sono elencati i redditi certificati dall’Inps o dal datore di lavoro e, se vi sono, i redditi dell’Agenzia delle entrate. Ci sono alcune voci che hanno diritto a detrazione o deduzione di imposta, fra le quali: gli interessi passivi o oneri accessori per mutui, premi di assicurazione sulla vita e i contributi previdenziali e assistenziali. Per chi ha altre voci di spesa da inserire deve consultare il Caf o il proprio consulente.

ACCESSO AL 730: tramite le credenziali fornite dall’Inps o con la registrazione ai servizi di Fisconline oppure presentando una delega presso il Caf o il proprio commercialista per evitare così la violazione e l’abuso della privacy.
Chi decide di compilare il 730 da solo deve seguire alcuni passaggi: visualizzazione e stampa della dichiarazione, accettazione delle voci contenute nella dichiarazione e il relativo invio, il versamento delle somme dovute tramite modello F24 già compilato con i relativi dati di pagamento, indicazione dele coordinate bancarie o postali nel caso dell’accredito di un eventuale rimborso e, infine, consultazione delle comunicazioni,  delle ricevute e l’elenco dei soggetti delegati ai quali è stato presentato.
L’Agenzia delle entrate si avvale di rispondere, entro cinque giorni, dalla presentazione del 730 precompilato tramite una ricevuta, con l’assegnazione di un numero di protocollo telematico, contenente il riepilogo dei più importanti dati contabili.

In Italia aumenta il traffico automobilistico

Febbraio 25th, 2015
traffico automobilisticoQuesto è quanto afferma l’Osservatorio Autopromotec, la struttura di ricerca della stessa rassegna espositiva di Bologna, sulla base della raccolta dei dati Aiscat circa il traffico in autostrada.

Già nel 2014 c’era stato un notevole incremento rispetto al 2013 e per i ricercatori ciò è importante per l’economia. Se, in Italia, recentemente è aumentato il traffico automobilistico ciò va ad incrementare la ripresa economica. Ma ancora è solo la fase iniziale e gli studiosi dell’Osservatorio hanno una visione positiva perchè così la rete stradale viene adeguata allo sviluppo in base il suo utilizzo.

Al tempo stesso si avrà anche un aumento dell’afflusso del traffico pesante ossia gli autocarri. Essi sono più esposti ai rischi in quanto, negli ultimi anni, non ci sono state nuove immatricolazioni e, specialmente, tra il 2007 e il 2014. Per evitare caos nelle strade e autostrade è necessario intervenire sia tramite investimenti pubblici volti a migliorare la rete stradale sia a provvedere all’introduzione di nuovi veicoli pesanti. Ciò però non è semplice perchè bisogna tener conto del limite di spesa ridotto sia in ambito pubblico che privato.


La nuova banconota da 20 euro

Febbraio 25th, 2015

nuova banconota da 20 euroEssa è stata presentata dalla Bce ed entrerà in circolazione già dal prossimo 25 novembre 2015. Mario Draghi  ha affermato che la nuova banconota da 20 euro è più sicura in quanto su entrambi i lati è raffigurata l’immagine mitologica di Europa, che è integrata all’ologramma, e un numero verde smeraldo. In questo modo si può evitare la falsificazione.

Si tratta del terzo taglio della serie “Europa” che, man mano, andrà a sostituire la prima serie introdotta nel 2002. I nuovi biglietti da 5 euro, infatti, sono stati emessi a maggio 2013 mentre quelli da 10 euro a settembre 2014 e forse, in futuro, seguiranno gli altri tagli.

La nuova banconota da 20 euro è quella più usata (e anche falsificata): viene spesso erogata attraverso gli Atm e incassata da numerosi commercianti al dettaglio.
La Bce ha pensato di agevolare i negozianti fornendo loro delle informazioni circa i nuovi dispositivi di controllo e ha fornito anche, anticipatamente, alcuni esemplari della nuova banconota per capirne l’autenticità. Oltre ciò è sorto anche un Programma di partnership, con la collaborazione di 300 operatori di tutta Europa, per fare in modo che le nuove apparecchiature nei negozi, uffici e supermercati siano presenti al momento in cui viene immessa la nuova banconota da 20 euro.

Dollaro contro euro, siamo alla resa dei conti

Febbraio 25th, 2015

dollaro euroSono molti i segnali che allertano in merito ai risvolti monetari italiani, e il 2015 potrebbe segnare sconvolgimenti planetari. Negli Stati Uniti è stata creata una grande liquidità dalla Federal Reserve negli Stati Uniti, che ha scatenato immedietamente il confronto dollaro/euro.

Gli economisti della Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea hanno cercato di capire come possa l’economia americana rappresentare meno di un quarto del Pil mondiale, le riserve mondiali in dollari sono ancora più del 60% del totale. Questo livello si è mantenuto nel tempo, nonostante il fatto che dal 1978 la quota del Pil americano sul totale mondiale si sia ridotta del 6% e  il dollaro sia diminuito in media del 24% rispetto ad altre valute non meno importanti; a ciò danno spiegazione gli economisti, dicendo che non si tratta dell’economia ma di ciò che viene chiamata “la zona del dollaro".

L’area definita “la zona dell dollaro” rappresenta oltre la metà dell’economia mondiale, comprendendo gran parte di quesi paesi che usano appunto il dollaro come valuta; assume quindi importanza determinante il numero di interventi nel mercato dei cambi gestiti in dollari, ovvero nella divisa con la quale si negozia con maggior frequenza la moneta nazionale.

Se si confronta la situazione attuale con quella del passato e con le tendenze storiche che riguardavano il ruolo della moneta durante le guerre mondiali, ci si può accorgere che le quote delle varie valute nei panieri delle riserve monetarie potrebbero in futuro modificarsi in maniera molto rapida.

La ragione principale, ma non la sola, a riguardo di tale cambiamento, è la negoziazione del commercio della Cina con monete di altre nazioni. A causa delle sanzioni subite, anche la Russia sta seriamente pensando di rendersi più indipendente dal dollaro; purtroppo il comportamento attuale dell’Europa non aiuta ad individuare l’euro come principale moneta di riserva alternativa da parte della Banca Centrale russa.

Anche la Banca Nazionale Svizzera ha deciso di sganciarsi dal cambio fisso con l’euro e di che sia il franco a prendere campo nel sistema monetario internazionale. In poche ore il franco si è rivalutato di circa il 20% nei confronti dell’euro e del 17% rispetto al dollaro.

I dati sulla possibile e disastrosa svalutazione dell’euro sono decisamente preoccupanti; tenendo conto della crescente e instabilità geopolitica che si sta generando, della volatilità della moneta ma soprattutto l’alto rischio di portare il mondo verso una crisi di proporzioni gigantesche, di sicuro molto rischiosa per l’economia e per gli equilibri politici. Per questa ragione è urgente che i Paesi del G20 inizino a lavorare con ingente impegno per la costruzione di un nuovo sistema monetario internazionale multipolare basato su un paniere di monete importanti.

Google e Mattel insieme per riportare sul mercato il celebre View-Master

Febbraio 25th, 2015

view masterLa realtà virtuale è senza dubbio uno dei settori più interessanti e promettenti per il futuro, che potrebbe consentire di realizzare film e contenuti di vario genere, compresi videogames, per offrire una esperienza in grado di immergere i giocatori in qualcosa di completamente spettacolare e innovativo.Google e Mattel sono intenzionati a collaborare per riportare la realtà virtual anche sui giocattoli, presentando una versione rinnovata del celebre View-Master.


Il View-Master è un dispositivo che conta oltre 100 milioni di unità vendute nel mondo sin dalla sua prima commercializzazione nel lontano 1939, fino alla conclusione del processo di produzione, avvenuta nel 2009.

La nuova versione che utilizzerà un sistema simile a Google CardBoard, da indossare, sarà composta da un sensore da rivolgere verso lo smartphone; a quel punto l’immagine impressa nella classica rotella o reel, prenderà vità offrendo una esperienza tridimensionale spettacolare.

L’ambientazione potrà essere esplorata a 360° e potranno essere visualizzate informazioni dettagliate su ciò che si sta guardando. View-Masterdel approderà quest’anno nei negozi statunitensi nel corso dell’anno, e il suo prezzo sarà di 30 dollari. Potranno essere acquistati separatamente dei pacchetti contenenti diversi reel al prezzo di 15 dollari ciascuno.