Benvenuti su

The Live News

Kris Live Music

Archivi per: Maggio 2016

Lo scivolo d'acqua più alto del mondo

Maggio 30th, 2016
verrucktIl suo nome è Verruckt, ovvero pazzo in tedesco, e si trova negli Stati Uniti d’America, esattamente nel parco acquatico Schlitterbahn a Kansas City. La sua altezza? Ben 51 metri!

Questa altitudine supera di certo la Statua della Libertà, pari a 46 metri, e le cascate del Niagara (circa 51 metri) e da qualche mese sta spopolando come attrazione in America.

E voi sareste disposti a tuffarvi dallo scivolo d’acqua più alto del mondo oppure l’idea vi terrorizza?

Ecco qua un video dimostrativo del Verruckt:

 

 

 

 

Social face, programma tv

Maggio 29th, 2016

Social face, programma tv

Programma televisivo a puntate in onda da maggio tutti i lunedì e giovedì alle 19.40 su Sky Uno. I protagonisti sono FavijStepnyGreta MenchiSimone Paciello, papà VegasAnimaSurreal Power e Francesco Posa, le otto star del web più famose d’Italia, riunite in un programma in cui daranno ampio sfogo alla loro creatività, ironia, coraggio e goliardia.

“Riuscireste a mangiare un panino a base di nutella, caffè in polvere, sale, mostarda e peperoncino? E a lavarvi i denti con il wasabi? E a restare impassibili nonostante i piccioni di piazza Duomo cominciassero a beccarvi su tutto il corpo? Se pensate che tutte queste siano missioni impossibili, vi sbagliate perchè per i concorrenti del programma diventeranno possibili!!!. 

Entusiasmanti sfide di gameplay e missioni al limite delle loro capacità fisiche e sensitive. Il perdente della puntata sarà costretto a sottoporsi a indicibili sofferenze. Penitenze, confessionali e colpi di scena faranno il resto. Ventiquattro minuti in cui la comicità viene reinterpretata in una nuova forma, in un linguaggio caro ai ragazzi e al pubblico più giovane in generale per offrire ai telespettatori il primo programma in cui il web e la tv trovano un’ideale coesistenza.

“Recitare? No! Girare #SocialFace è stato più come restare nella nostra cameretta a giocare e perdere tempo. Quelli che gli spettatori vedranno in video siamo davvero noi, con il nostro linguaggio, il nostro modo di comportarci. Nessun personaggio da interpretare. Impersoneremo noi stessi, ragazzi normali che hanno voglia di divertirsi - dice a La Stampa Favij - e sono anche un po’ emozionato. E chi perde deve pagare pegno: a me è capitato di dover bere due litri di yogurt. Quando l’ho fatto non ero molto felice. A rivederlo, però, ho riso parecchio. Ma l’episodio più divertente è stato un altro: ritrovarsi a camminare in un centro commerciale completamente avvolto nel nastro adesivo attaccato a Simone Paciello e Anima. Bellissimo".

La prima puntata, come promesso proprio da Favij in uno dei suoi ultimi vlog, sarà visibile a tutti: andrà in onda in chiaro anche sul sito di Sky. Gli altri episodi saranno soltanto in Tv. La sfida è duplice: riportare i giovanissimi, sempre più sintonizzati sul pc, sul piccolo schermo, e provare a far conoscere anche ai genitori i miti dei figli. E’ il primo passo di una svolta nella carriera? “Il nostro target di riferimento rimangono i teenager, è chiaro, ma credo che sia giusto mostrare chi siamo e che cosa facciamo anche a un pubblico più adulto. E’ sempre bello trovare degli spunti per fare dialogare due mondi molto diversi per età. O almeno, a me interessa molto testare canali diversi".

Smart farm, l'azienda agricola diventa "intelligente"

Maggio 29th, 2016

Smart farm, l'azienda agricola diventa "intelligente"

Un nuovo modo di concepire l’impresa: una azienda agricola multifunzionale che presta maggiore sensibilità verso le tematiche green e migliore qualità del prodotto.

“Smart farm” ovvero una fattoria “intelligente” creata nei Paesi Bassi. L’azienda è dotata di telecamere sofisticate, sensori e microfoni. Apparecchi che non fanno parte solo del sistema di sicurezza. Alcuni ricercatori europei hanno sviluppato tali dispositivi per aumentare il benessere degli animali e la produttività dell’azienda.

Questa smat-farm olandese ospita circa 20.000 polli. Tutti tenuti sotto stretta sorveglianza. Telecamere e microfoni possono monitorare i loro movimenti e allertare gli agricoltori qualora il comportamento di questi animali risultasse insolito e strano. Ma com‘è possibile che i dati ottenuti dal sistema possano aumentare il comfort degli animali e la produttività e la competitività della fattoria?

“Telecamere e microfoni servono a rilevare in tempo reale quando gli animali sono stressati. In questo modo si può trovare velocemente la soluzione più adatta ed efficiente, senza dover essere perennemente presenti qui dentro a controllare cosa fa ogni singolo pollo”, ci spiega Twan Colberts proprietario della fattoria.

A questo progetto di ricerca europeo sulle “smart farm” collaborano scienziati, bio-ingegneri e veterinari per fornire agli agricoltori informazioni precise sul comportamento dei loro animali. Movimenti troppo veloci o caotici potrebbero indicare problemi di temperatura ambientale o di alimentazione. “Se un impianto di alimentazione risulta bloccato, come quello che vediamo in questa immagine, allora è possibile vedere i polli spostarsi da questo impianto per andare in un altro. Ora, ad esempio, notiamo che i polli si stanno muovendo molto velocemente. Non sappiamo il perché. Ma siamo molto vicino alla porta d’entrata e forse loro sentendoci parlare si sono spaventati”.Luc Rooijakkers Project Manager di Fancom.

Presso l’Università di Leuven alcuni ricercatori hanno sviluppato una piattaforma con algoritmi e strumenti informatici sofisticati in collaborazione con altri 20 centri di ricerca. Questi scienziati sostengono di essere in grado di capire 9 volte su 10 quando esiste un problema reale per gli animali. “La distruzione degli animali nel pollaio varia a seconda di fattori come clima, temperatura, qualità del terreno. Abbiamo dati su ciò che, in una determinata azienda, dovrebbero essere i livelli medi di questi fattori. Fattori che possono influenzare il loro comportamento. Quando facciamo le nostre previsioni possiamo identificare con grande precisione quello che è il vero problema per gli animali all’interno della fattoria”, Alberto Peña Fernández, bioscienziato e ricercatore presso l’Università di Leuven.

La piattaforma include anche un sistema di monitoraggio appositamente progettato per la diagnosi precoce di una malattia respiratoria dei suini altamente infettiva. Gli algoritmi possono capire se c‘è il sospettato di una tosse anomala. Qui, per esempio, circa 300 maiali sono sotto stretta osservazione sonora. “Io posso trattenermi nel capannone per una visita per circa 10 minuti. Non ho molto tempo. Il che significa 2 o 3 secondi per controllare ogni animale. Con il sistema di monitoraggio della tosse posso verificare la loro salute 24 ore al giorno, tutta la settimana. E posso agire più velocemente per limitare eventuali danni”, dice John Verhoijsen, agricoltore olandese.

Altre telecamere testate consentono poi di pesare gli animali in tempo reale, prima e dopo aver loro dato da mangiare. Con questi dati, i ricercatori sperano di aiutare gli agricoltori non solo ad aumentare la sicurezza dei loro prodotti ma anche a creare un valore aggiunto alle loro attività agricole.“Uno dei prossimi step è portare Internet in tutte le aziende agricole in Europa. Al momento siamo ancora lontani dall’obiettivo. Ma solo così il contadino del futuro potrà vendere non solo la carne ma anche dati e nuove informazioni a chi opera nella settore alimentare e al consumatore stesso”, fa notare Daniel Berckmans ingegnere e scienziato dell’Università di Leuven e capo del progetto europeo UE-PLF.

Attualmente sono circa 20 le aziende agricole che hanno sperimentato con successo questo sistema di monitoraggio intelligente del loro bestiame.

Time Out of Mind (2014) di Oren Moverman

Maggio 29th, 2016

Time Out of Mind (2014) di Oren Moverman

DATA USCITA NEI CINEMA: 16 giugno 2016
GENERE: Drammatico
ANNO: 2014, USA
REGIA: Oren Moverman
CAST: Richard Gere, Jena Malone, Danielle Brooks, Geraldine Hughes, Yul Vazquez, Ben Vereen, Jeremy Strong, Brian d’Arcy James, Tonye Patano, Colman Domingo
DISTRIBUZIONE: Lucky Red
DURATA: 120 Min

 

TRAMA

George si trova in una condizione disperata. La vita sembra essersi dimenticata di lui. Non ha un posto dove andare, si ritrova alla deriva tra le strade inospitali di New York City. Fallite tutte le possibilità di trovare un alloggio, cerca rifugio al Bellevue Hospital, il più grande centro di accoglienza per senzatetto di Manhattan, ed entra in contatto con la crudele realtà degli emarginati. L’amicizia con uno degli ospiti del centro gli restituisce la speranza di poter ricostruire il difficile rapporto con la figlia che non vede da molti anni.

GUARDA IL TRAILER

Perchè il sapone fa la schiuma?

Maggio 29th, 2016

Perchè il sapone fa la schiuma?

Il sapone è il prodotto usato quotidianamente da ognuno di noi per pulire. Ma sfido chiunque a non trovare irresistibile giocare con le bolle di sapone o con la schiuma che si crea nella vasca da bagno? Ma vi siete mai chiesti perché il sapone fa la schiuma?

In primis, bisogna dire che la schiuma non è che una miscela tra un gas e un liquido. Appunto per questo, non c’è bisogno del sapone per fare le bolle: è sufficiente mescolare l’aria con l’acqua. Basti pensare ad una cascata: anch’essa produce schiuma, ma le innumerevoli bolle, che si formano al suo interno, si dissolvono velocemente, diversamente dalle bolle di sapone. Ciò è dovuto alla chimica delle molecole che formano il sapone.

Le sostanze idrofile sono formate da uno ione negativo, composto da un atomo di carbonio e due di ossigeno, e da uno ione positivo, come il sodio: quando lo ione positivo entra in contatto con l’acqua si separa dal resto. Il risultato è che quando aria e acqua insaponata si mescolano, formando le bolle appunto, alcune molecole di sapone si dispongono per gruppi in sottili strati, formando la superficie di queste bolle.

Le teste, idrofile, vengono attirate dalla pellicola d’acqua, mentre le code, idrofobe, puntano verso l’aria, all’interno e all’esterno delle bolle. Questa struttura favorisce la formazione di molte più bolle rispetto a quanto potrebbe esserci in acqua pura e in più rallenta lo scorrimento dell’acqua verso la superficie della bolla (causa forza di gravità) allungandone la vita e a sua volta ritardando la scomparsa della schiuma.